Le torte “estive”

Stiamo quasi entrando nella fredda stagione invernale e ancora non sono riuscita a parlarvi delle tante torte che ho fatto questa estate…questo si che significa tenere aggiornato il proprio blog! In pratica ho infranto la prima importantissima regola del perfetto blogger…scrivere costantemente! Non voglio parlarvi del perché e per come sono stata così latitante, piuttosto eccovi le foto dei lavori che mi sono capitati questa estate. Ci sono state tante torte, piccole piccole, ma anche a più piani…quasi tutte al cioccolato (la mud cake di Letizia Grella spopola!) con i ripieni più diversi (ganache, chantilly con frutti fresco o cioccolato, crema di pistacchi)…alcune semplici, altre più impegnative (anche per il trasporto!)
Procediamo con ordine…ecco la torta di Rosie per una compagna di classe della mia Sofia…

20131110-213022.jpg

Poi è stata la volta di un bulldog francese. Non avendo assolutamente esperienza di cani potete immaginare la mia faccia quando mi è stata fatta la richiesta…thanks God esiste internet. Ho scaricato un po’ di foto, fatto qualche schizzo ed ecco il risultato…vi piace? Spero di si…io mi sono divertita tantissimo nel realizzarla ed è sicuramente una delle mie torte preferite!

20131110-213349.jpg

Poi è stata la volta di due mini cake…per realizzare la corazza della tartarughina ho utilizzato una semisfera di polistirolo che poi ho ricoperto in pasta di zucchero. La scarpina (per una futura sposina) e’ invece in pasta di gomma con cinturino di raso…

20131110-213844.jpg

20131110-213918.jpg

Ecco la torta che ho realizzato per un giovane panettiere.

20131110-214702.jpg

E per ultimo, ma non per importanza, le torte che ho fatto per il compleanno del mio maritino giramondo:

20131110-214828.jpg
E per il compleanno della mia Marta…la prima per il giorno del suo compleanno , la seconda per la festa con i suoi amichetti:

20131110-215139.jpg

20131110-215234.jpg
Ah…ci sarebbe ancora una torta…la più importante, quella per i 40 anni di matrimonio dei miei genitori. Vi lascio un’anticipazione del topper…per il resto, al prossimo post! 🙂

20131110-215845.jpg

I sogni son desideri…

Per il suo terzo compleanno, il desiderio della mia Sofia era di avere una torta di Cenerentola. Così, anche se i miei progetti erano un po’ diversi (avevo progettato una torta “semplice” visto il periodo pieno in cui mi trovo!) non le ho saputo dire di no…
Ho iniziato una settimana fa con le decorazioni che avrebbero richiesto un maggior tempo di asciugatura: le ruote e la punta della carrozza, realizzate in pasta di gomma e colorate con colorante alimentare dorato. Poi e’ stata la volta di Cenerentola, realizzata in pasta di zucchero con un cono in polistirolo per dare sostegno alla figura e volume alla gonna, e del topino. La carrozza e’ la mia torta alla vaniglia farcita con tre strati di ganache al cioccolato bianco e lamponi.
Questa mattina Sofia, appena sveglia, mi è venuta vicino e mi ha chiesto di vedere la torta. Il suo sorriso, i suoi occhi che brillavano di gioia dicendo “che bella mommy!” sono stati la ricompensa più grande alle lunghe nottate di lavoro!

20130421-225527.jpg

Una mela al giorno…

…toglie il medico di torno!?? E speriamo! Dopo la lunga invernata passata tra raffreddori, tosse e virus vari, spero che questa torta sia di buon auspicio. All’interno una mud cake al cioccolato fondente (questa la ricetta . Io ho ridotto un po’ la quantità di latte riducendola a 500 ml) con farcitura di ganache al cioccolato fondente.

20130418-165841.jpg

Torta alla vaniglia

Avete mai provato a leggere attentamente le confezioni degli alimenti? Io lo faccio sempre, da quando ero piccola. Possono essere fonte di pillole di saggezza o, anche, contenere ricette interessanti. Ebbene l’origine di questa ricetta e’ proprio questa…la confezione di una nota marca di farina per dolci. Conservo ancora il pezzo di cartoncino su cui era stampata, tutto rovinato, pasticciato con i miei appunti…ha il suo fascino! Questa torta e’ una delle basi che utilizzo di più per le mie torte decorate. E’ morbida, gustosa e tiene bene il peso delle decorazioni in pasta di zucchero anche se farcita e bagnata. Ecco la ricetta, frutto di diverse sperimentazioni e modifiche della ricetta originale.

Ingredienti
375 gr farina x dolci (o farina normale setacciata)
15 gr lievito in polvere
1/2 cucchiaino di sale
1/4 cucchiaino bicarbonato
225 gr burro a temperatura ambiente
250 gr zucchero semolato
160 ml latte
1 cucchiaino di estratto di vaniglia ( a volte la faccio diventare una torta aromatizzata al limone utilizzando la scorza di un limone non trattato)
4 uova grandi

Setacciate farina, bicarbonato, lievito e sale e mettete da parte. Lavorate bene il burro ammorbidito con lo zucchero. Incorporate le uova, una alla volta e l’estratto di vaniglia.
Iniziate ad incorporare il mix di farina in due-tre volte, intervallando con il latte e finendo con la farina. Versate il composto in una teglia di circa 22 cm precedentemente imburrata e infarinata.
Cuocete in forno preriscaldato a 180C fino a quando infilando uno stecchìno nella torta, questo non risulterà asciutto (circa 50 min).

Chiffon cake

20130324-202545.jpg

Oggi, mentre le bimbe guardavano il cartone “il figlio di Babbo Natale” (assolutamente in tema, visto il clima), ho deciso di pasticciare un po’ e provare la chiffon cake. La ricetta viene dall’agenda nera della mia mamma, che non è un libro di magia, ma un vecchio ricettario dove mia mamma ha raccolto negli anni le sue ricette. Un libro preziosissimo! Nella mia famiglia la chiffon cake era conosciuta come “la torta americana” perche’ era stata la zia Clarina, che viveva in America, a regalare lo stampo e dare la ricetta alla mia mamma. Ogni volta che mia mamma la faceva, iniziavo a immaginare questa terra lontana, immensa, dove tutto e’ grande…anche le torte! Solo qualche tempo fa ho scoperto che la “torta americana” aveva un nome ben preciso ed era molto più diffusa di quanto pensassi!
Il procedimento può sembrare un po’ strano, ma fidatevi…funziona! Unica accortezza, procuratevi uno stampo per ciambellone con le pareti molto alte (si chiama angel food cake pan). Lo stampo non dovrà essere imburrato. La torta, infatti, dovrà essere fatta raffreddare capovolta. La teglia non imburrata eviterà che la torta si stacchi troppo velocemente e, ricadendo sul piatto ancora calda, si afflosci (per usare un termine tecnico!).
Ecco la ricetta:

Ingredienti
420 gr farina
300 gr zucchero
300 gr acqua
150 gr olio di semi
1 pizzico di sale
Il succo e la scorza di un limone non trattato
5 uova intere
3 albumi
1 bustina e 1/2 di lievito

Il procedimento e’ piuttosto semplice.
Montate gli albumi a neve fermissima e mettete da parte.
In una ciotola setacciate la farina, lo zucchero, il sale e il lievito.
Aggiungete i tuorli, l’olio, la scorza e il succo di limone e, con uno sbattitore elettrico, sbattete fino a che il composto non risulterà ben amalgamato. A questo punto, con una spatola, incorporate
lentamente gli albumi montati con movimenti dal basso verso l’alto.
Versate nella teglia e cuocete in forno preriscaldato a 175 C per 70 min.
Una volta sfornata, fate raffreddare capovolta. Ecco come…

20130324-202050.jpg
Quando sarà completamente fredda, aiutandovi con un coltello staccate la torta dalle pareti dello stampo e capovolgete su un piatto. Spolverizzate di zucchero a velo e servite…magari accompagnandola con una pallina di gelato alla vaniglia e frutti di bosco.

20130324-202725.jpg

Ricetta Pan di Spagna (recipe in English too)

Oggi vi presento la piu’ classica delle ricette della pasticceria italiana…il Pan di Spagna! Penso che in Italia ci sia una sorta di venerazione per questo dolce. I tradizionalisti rabbrividiscono alle varianti con burro o lievito, dichiarando che il pan di Spagna e’ fatto solo con tre ingredienti, uova, zucchero e farina! Questa ricetta, che rispetta la tradizione, e’ della famosa cake designer Letizia Grella che l’ha condivisa con me e altre corsiste del Master di cake design a cui ho partecipato qualche mese fa. Come tradizione vuole, non c’è aggiunta di lievito. Il segreto per la buona riuscita del dolce e’ battere le uova con lo zucchero per almeno 20 min ad alta velocità…non un minuto in meno, mi raccomando!!! lo non amo particolarmente il Pan di Spagna perche’ adoro il burro e nel pan di spagna non se ne vede neanche l’ombra, ma a volte lo utilizzo per incontrare le esigenze dei festeggiati! E poi è leggero e sano, perfetto se si vuole fare un dolce per i bimbi!

Ingredienti

9 uova (temperatura ambiente)
300 gr zucchero
300 gr di farina

In una ciotola capiente mettere le uova e lo zucchero. Sbattere per 20 min ad alta velocità finché il composto non risulterà spumoso e avrà raddoppiato il volume.

20130215-155000.jpg
Aggiungere la farina setacciata, un po’ alla volta, amalgamando con una spatola in silicone, con movimento dal basso verso l’alto. Questa operazione va fatta delicatamente per evitare che il composto si smonti.
Versare il composto in una teglia di circa 25 cm di diametro ( io ne ho utilizzata una alta 7 cm) .
Infornare in forno già caldo a 175 C per circa 40 min. Il Pan di Spagna sarà perfettamente cotto quando la torta si staccherà dai bordi.

20130215-175927.jpg

Ed ecco il vostro Pan di Spagna pronto per essere farcito!

20130215-180029.jpg

Pan di Spagna is a classic recipe of the Italian patisserie. It is very common for layer cakes (you can fill pan di Spagna with curd, whipped cream or ganache). Telling you the truth I don’t love pan di spagna. I love cakes made with butter and pan di spagna doesn’t have it at all. Sometimes I make it just because it’s very simple and light, perfect for kids’ cakes. This recipe is from Letizia Grella a famous Italian cake designer. It has just three ingredients, eggs, sugar and flour. You don’t have to add any baking powder. The secret for a perfect Pan di Spagna is beating eggs and sugar for at least 20 minutes (no less than 20 minutes)!

Ingredients

9 eggs (room temperature)
10.6 oz sugar
10.6 oz sifted flour
A 10′ cake pan (greased with butter and floured)

Preheat the oven at 350 F. In a large bowl beat together eggs and sugar until fluffy (the batter should double the volume). Next, gently fold in the flour, little by little, using a wooden spoon or a spatula. Pour the batter in the cake pan and bake for about 40 minutes or until the cake will begin to pull away from the sides of the pan.

Marshmallows Fondant (MMF) (recipe in English too)

Questa ricetta segna l’inizio della mia storia con la pasta di zucchero. L’ho ricevuta dalla mia amica Grazia durante il nostro periodo Texano. L’ho sempre custodita gelosamente…e’ semplicemente stupenda! Permette di creare in casa un fondente elastico, ottimo per coperture, ma che puo’ anche essere utilizzato per modellare. Unici punti a sfavore…la difficolta’ nel reperire marshmallows (qui da me ne trovo solo di colorati!) e il procedimento un po’ lunghetto. E poi…perdete ogni speranza, alla fine del procedimento…la vostra cucina, le vostre mani e i vostri vestiti risulteranno completamente imbrattati!

Ingredienti

450 gr di mini marshmallows

2-5 cucchiai di acqua

900 gr di zucchero a velo

113 grammi di Crisco (vi servira’ per staccare dalle mani)

Procedimento

Fate sciogliere i marshmallows con due cucchiai di acqua nel microonde utilizzando il seguente procedimento: mettete nel microonde la ciotola, fate andare per 30 sec, aprite il microonde, girate i marshmallows (con un cucchiaio di legno ben unto con crisco), rimettete nel microonde per altri trenta secondi, aprite, mescolate e cosi’ via fino a che i marshmallows non saranno completamente sciolti. Ora ungete GENEROSAMENTE le vostre mani con Crisco, fate lo stesso con il vostro piano di lavoro. Versate i marshmallows sciolti sul piano di lavoro e iniziate ad incorporare lo zucchero a velo, precedentemente setacciato. Impastate come se fosse l’impasto per il pane. L’impasto risultera’ molto appiccicoso, ma non perdete le speranza! Ungete ancora le mani con il Crisco e continuate ad impastare finche’ non avrete incorporato tutto lo zucchero a velo. Se l’impasto dovesse risultare troppo secco, provate ad aggiungere un po’ di acqua, 1/2 cucchiaio alla volta…ricordate che e’ sempre possibile aggiungere, ma non togliere! Quando l’impasto risultera’ liscio e elastico, allora sara’ fatto.

Potete conservare l’impasto avvolto nella pellicola, in una busta per alimenti, in frigorifero per piu’ settimane.

Here is the MMF recipe.

Ingredients

16 oz white mini marshmallows (use a good quality brand)

2 to 5 tablespoons of water

2 pound icing sugar

1/2 cup of Crisco

Melt marshmallows and 2 tbs of water in a microwave: put the bowl in the microwave for 30 seconds, open microwave and stir, back in the microwave for 30 seconds, stir again. Continue doing this until melted. Now grease your hands generously, then heavily grease the counter you will be using and dump the bowl of marshmallows in the middle. Add the icing sugar and start kneading like bread dough. If the mix is tearing easily, it is too dry, so add water (about 1/2 tbs at a time then knead it in). Keep kneading until you get a smooth elastic ball. Wrap the fondant in plastic paper, put in a Ziploc and store in the refrigerator. You can store your fondant in the refrigerator for weeks!

Sacher Torte

Per gentile concessione della mia mamma, ecco la ricetta della Sacher torte. Non so se questa ricetta si può definire originale viennese, ma vi assicuro che è semplicissima e il risultato e’ sempre ottimo!

Ingredienti
300 gr cioccolato fondente
4 uova
100 gr di zucchero
100 gr burro
100 gr di farina
1 cucchiaino di lievito
marmellata di albicocche

Preparazione
Sciogliete 150 gr di cioccolato e il burro a bagnomaria.
Mettete il cioccolato e il burro sciolto e fatto raffreddare, nella planetaria o in una ciotola capiente e lavoratelo con lo zucchero. Aggiungete le uova a temperatura ambiente, una alla volta. Poi aggiungete la farina setacciata e infine il lievito.
Mettete il composto in una teglia (per la mia Torta da record ho utilizzato una teglia tonda, diametro 15, h 10 cm). Cuocete in forno normale, preriscaldato a 170 gradi per circa 40 min o fino a quando, inserendo uno stecchìno, questo non risulterà asciutto
Una volta che la torta sarà ben fredda, tagliatela a metà e farcite con marmellata di albicocche.
Per la glassatura fate sciogliere il restante cioccolato fondente a bagnomaria con una noce di burro. Quando il cioccolato risulterà liscio, glassate la torta, ricoprendola completamente. Una volta che la glassa sarà fredda potrete servire la Sacher accompagnandola con panna montata o con una pallina di gelato alla vaniglia.